Trattamenti curativi alle terme

Ossigenoterapia

Con il termine ossigenoterapia ci si riferisce a diversi interventi terapeutici che hanno in comune l'elemento che utilizzano di base: l'ossigeno. Diversi sono gli ambiti d'applicazione dell'ossigenoterapia: l’uso più comune è quello della fornitura di ossigeno all'organismo per via respiratoria che si adopera quando il soggetto non è capace di procurarsi l'ossigeno di cui ha bisogno, ma esistono anche altri impieghi come l’ossigenoterapia iperbarica, nella quale l’ossigeno viene immesso in uno speciale ambiente ermetico, con aumento della pressione ambientale. In questa particolare applicazione l’ossigeno entra nell’organismo per via respiratoria con una concentrazione tanto elevata da permettergli di raggiungere anche quelle parti del corpo a cui i globuli rossi giungono con molta difficoltà. Questa pratica è particolarmente indicata per combattere  patologie di notevole gravità come casi di embolia, intossicazioni da monossido di carbonio, infezioni progressive dei tessuti molli, fenomeni di necrosi, osteomieliti, trombosi, patologie retiniche e molti altri gravi disturbi. Ulteriore impiego dell'ossigeno riguarda la medicina dello sport. Se sottoposto ad un'attività muscolare l’organismo necessita naturalmente di un maggiore apporto di ossigeno che è proporzionale al carico di lavoro e quando si raggiunge il livello massimo di consumo di ossigeno si ha un rapido aumento dell'acido lattico che viene dapprima prodotto dai muscoli e che poi si diffonde nel sangue e nei liquidi dell'organismo. Questo utilizzo dell'ossigeno permette di intervenire quando, in seguito ad uno sforzo fisico, l’organismo si trova in una condizione di “debito di ossigeno”: in questo caso difatti la somministrazione di ossigeno aggiuntivo permette un recupero più rapido ed efficiente. Novità introdotta di recente è il cosiddetto “bar dell’ossigeno”: un particolare sistema che produce, attraverso un generatore purificatore, aria che viene arricchita di ossigeno e di aromi. Chi decide di provocare questo originale trattamento può inalare quest'aria purificata per ritagliarsi una parentesi di assoluto relax e può anche scegliere di aspirare il suo aroma preferito. Altro impiego dell'ossigeno è nell'ossigeno-ozono terapia, una procedura medica che usa una miscela di ossigeno ed ozono. L’ ossigeno-ozono è un gas instabile capace di agire sul metabolismo di zuccheri, proteine, grassi, accelerandone l'assimilazione e facilitando l’eliminazione delle scorie. Inoltre questo gas possiede un effetto antisettico, disinfettante, trofico, antibatterico e antivirale. Innumerevoli sono le applicazioni di questa particolare terapia: in campo oculistico, nelle patologie infettive croniche o nelle malattie provocate da un anomalo funzionamento del sistema immunitario che possono compromettere la capacità visiva e l’integrità del bulbo oculare, Nell'ambito dei trattamenti estetici sono due le applicazioni principali dell'ossigeno-ozonoterapia: l'ossigeno-ozono può essere usato in forma liquida e somministrato tramite iniezioni di esigue quantità per intervenire contro la perdita di tono cutaneo ed ottenere un effetto lipolitico, oppure  si può utilizzare il solo ossigeno liquido, con aggiunta di essenze naturale, che viene nebulizzato sulla pelle soprattutto del viso e del seno per ottenere un effetto tonificante. 

 


Le località termali dove è possibile fare ossigenoterapia in Italia sono:

- Terme di Roncegno Terme (Vetriolo)

© 2013 Terme.biz - Vietata la riproduzione anche parziale.